Taglio e Cucito - La VerArte

Vai ai contenuti

Menu principale:

O' Mmeglio 2
Sono passati 4 lunghi anni che non realizzavo una roombox, l’ultima risale al 2010 e fu la Gregory Shop. Il negozio di “ taglio e cucito”, per me, e sono convinto anche per molti altri, questa bottega è orgasmica. Si, avete letto bene.
Il perché? Ora ve lo spiego. Abbandonate per una volta l’idea del sesso e della fisicità. Entrate nel mondo delle emozioni profonde, dovute a sensazioni di massima felicità e al super godimento. Ecco, solo dopo aver raggiunto questi due stadi metafisici posso accompagnarvi, senza farvi scomodare dalla vostra amata poltrona, in quello che è una delle più importanti boutique del tessuto d’epoca italiana.
 
Intorno agli anni 50, nell'Italia risorta dopo una guerra devastante, esplode una creatività che invase ogni settore culturale, economico  e di creatività, e quindi, come tale, anche quello della produzione artigianale di tessuti e di abiti su misura. I sarti dell'epoca, non disegnatori ma artigiani, furono dei veri e propri pionieri ai fini della conquista di un mercato ancorato alla convinzione che l'eleganza maschile si potesse rifornire soltanto in Inghilterra e quella femminile in Francia . Il loro operato caratterizzato da una tecnica ed una manualità estremamente precisa e raffinata, supportato dai tessuti d'avanguardia, produsse una moda che si impose in tutto il mondo, da quello del cinema a quello politico e mondano. Con questo lavoro voglio dare un riconoscimento a quegli artigiani che hanno fatto grande in nostro paese attraverso la creazione di abiti da favola prodotti con tessuti ricercati in tutto il pianeta.
 Per la costruzione di questa opera, per la prima volta ho usato una nuova tecnica per la realizzazione del pavimento. Dopo averne fotografato uno vero  ne ho stampato le foto per poi incollarle su di un cartoncino. Quindi  ho ritagliato ogni singola mattonella per poi fissarle con la colla vinilica. Terminando la posa riempiendo le fughe con lo stucco bianco. Il risultato è stato ottimo. Le fantasie delle 80 pezze di stoffe sono diverse una dall’altra, creando un’ulteriore difficoltà nella loro ricerca. Il colpo d’occhio e pregevole. Per finire c’è anche il piccolo contributo di mia cognata Liana che, proveniente da Pisa è stata coinvolta nella cucitura del cuscino della sedia.


                                      Sito  fatto  da  me,  aggiornato  a  luglio  2017
Torna ai contenuti | Torna al menu