O' Pianino - La VerArte

Vai ai contenuti

Menu principale:

O' Mmeglio 2
Il pianino fu inventato nel 1700 da un modenese, Giovanni Barberi. Il cilindro del pianino, o organetto, funzionava in maniera molto simile al cilindro di un carillon, quando ruotava su se stesso le sue punte rialzate determinavano la vibrazione di piccole leve e il movimento delle corde ad esse collegate producendo le più varie melodie.
Il pianino ebbe il suo splendore a Napoli. Trainato da un cavallo o spinto dallo stesso suonatore, scandiva lo scorrere della vita di una folcloristica Napoli. La gente gli si affollava intorno richiamata dalle melodie che si diffondevano tra i vicoli, acquistava per tre soldi le “copielle” e si univa al canto.
Napoli divenne la capitale dei pianini e il suonatore non fu mai considerato “questuante” ma “venditore” di musica, ed era tenuto in massima stima da autori ed editori, per la preziosissima collaborazione divulgativa che compiva.
Il declino dei pianini ambulanti iniziò esattamente nel mese di maggio del 1938 quando il famoso suonatore del rione Ponti Rossi, Carluccio ‘o Calamaio, commise l’imprudenza di inserire nel suo bellissimo pianino un rullo con l’inno di Garibaldi proprio mentre Hitler visitava Napoli, il 3 maggio di quell’anno.
Sospettato di antinazismo, Carluccio ‘o Calamaio fu arrestato e, solo il provvidenziale intervento di un grande avvocato Nino Talarico, gli evitò un processo e altre gravi conseguenze.
Durante la seconda guerra mondiale, un incendio distrusse il deposito in Via Foria, ove si trovavano più di cento pianini. Qualche tempo dopo Raffaele Esposito Sansone, un lungimirante commerciante napoletano, apprese che alla periferia di Pavia un certo signore Fabio Bonino, svendeva ben centodieci pianini a milleseicento lire ciascuno. Il commerciante affittò un camion e partì. Dopo più di una settimana fece ritorno a Napoli. Aveva concluso l’acquisto di tutti i centodieci pianini che poi riuscì a vendere a undicimila lire ciascuno.
L’ultimo suonatore di pianini a Napoli fu Ciro Pantolese, il quale, all’età di ottantadue anni nel 1959 , dovette smettere la sua attività perché a Napoli non c’erano più fabbricanti di rulli.
In quel periodo esistevano a Napoli solo ventuno suonatori ambulanti, troppo pochi per consentire all’unico incisore di rulli rimasto in città, Pasquale Barbato, di provvedere a se stesso, alla moglie e sei figli.
Pasquale Barbato, nato il 29 giugno a Napoli del 1915, è rimasto nella storia del costume locale. Ma nel 1959 si trasferì a Milano e di pianini, a Napoli, non si sentì più parlare.
Il pianoforte con le sue forme sinuose, coperto da manifestini di spettacoli teatrali, vedute romantiche di Napoli, spartiti e poster dei cantanti dell’epoca, e fermato sul carretto, assicurato con occhielli metallici  e corde annodate. Il carretto termina con due lunghi manici per il trasporto. L’esemplare è impreziosito da un carillon… che, in questa occasione,  non ripropone le musiche più belle della tradizione Napoletana…ma……bisogna ascoltarla. 20 giorni ho impiegato per realizzare quest’opera costruita durante la degenza causata dall’intervento di ernia inguinale subita il 20 giugno 2012


                                      Sito  fatto  da  me,  aggiornato  a  luglio  2017
Torna ai contenuti | Torna al menu